lorenziniterminal
grimaldi
Energy > Propeller Club Trieste: Futuro oleodotto SIOT, alla luce dei cambiamenti dell’economia globale

Propeller Club Trieste: Futuro oleodotto SIOT, alla luce dei cambiamenti dell'economia globale

TRIESTE - Il futuro dell'oleodotto SIOT nell'ottica di una riduzione delle fonti energetiche legate agli idrocarburi. E' il tema affrontato dall'incontro organizzato dal Propeller Club Port of Trieste che vede la presenza di Alessio Lilli, presidente di SIOT e general manager del  Gruppo TAL - martedì 17 maggio alle ore 18.30, presso sala della Piccola Fenice in via San Francesco, 5 a Trieste, l'evento si svolge in presenza e in digitale.

Lilli racconterà la storia dell'azienda, il suo presente, ma soprattutto il futuro alla luce dei cambiamenti dell'economia globale già iniziati con la transizione energetica. L'oleodotto che porta il petrolio greggio dal Mare Adriatico al centro dell'Europa fa ormai parte della vita, non solo industriale, del territorio di Trieste e, grazie al suo flusso, ha fatto diventare il Porto di Trieste il primo del Mediterraneo per i traffici petroliferi.

Ma quale sarà il futuro dell'oleodotto SIOT nell'ottica di una riduzione delle fonti energetiche legate agli idrocarburi?
La domanda non riguarda solo SIOT ma gran parte della società moderna così com'è oggi concepita e le scelte che si stanno facendo verso la transizione ecologica.
SIOT, peraltro, ha già iniziato a muoversi, con la presenza in settori difficilmente ipotizzabili fino allo scorso decennio.
Da qui i progetti per il trasporto di dati all'interno dell'infrastruttura, un accordo per la cogenerazione di energia ed altri indirizzi che possano proiettare l'Azienda verso il futuro.

Post correlati

Assarmatori nella nuova Alleanza UE sui carburanti rinnovabili e a basse emissioni

Bruxelles – “Assicurare la disponibilità su larga scala e a costi accessibili dei nuovi carburanti puliti per il trasporto marittimo, […]

ANALISI / Decarbonizzazione, sfide del trasporto marittimo nazionale ed obiettivi

La decarbonizzazione é sicuramanete la maggiore sfida in atto nell’industria dello shipping nazionale, oltre che internazionale. Le proposte normative avanzate […]

COP27: “Il trasporto marittimo non si può decarbonizzare senza i suoi lavoratori”

Il trasporto marittimo per raggiungere gli obiettivi di decarbonizzazione dovrá passare  attraverso la formazione dei propri lavoratori.  800.000 marittimi richiederanno una […]


Leggi articolo precedente:
Terminal SanGiorgio
Genova, Terminal San Giorgio: Traffici record e investimenti da 10 mln, nuovi mezzi green

I traffici record di Terminal San Giorgio accelerano il piano d’investimenti da 10 milioni di euro e l’ampliamento del parco...

Chiudi