Maersk riprende le partenze nel Mar Rosso nonostante gli attacchi degli Houthi

Maersk riprenderà il passaggio delle navi attraverso il Mar Rosso.
Maersk

La danese Maersk prevede la ripresa della navigazione nel Canale di Suez e nel Mar Rosso per oltre 30 navi, nonostante l’attacco nel fine settimana scorso ai danni della portacontainer Maersk Hangzhou da parte dei ribelli Houthi. Lo riferisce l’agenzia di stampa Reuters.

Gli avvenimenti
Il 31 dicembre Maersk aveva sospeso per 48 ore tutte le partenze sul Mar Rosso dopo che la Hangzhou, ha subito un attacco missilistico, avvenuto verso le ore 06:30 (03:30 GMT).  Successivamente quattro imbarcazioni  Houthi hanno tentato di salire a bordo della nave arrivando a meno di 20 metri di distanza.

L’equipaggio ha prontamente emesso una chiamata di soccorso alla quale ha risposto una squadra di sicurezza statunitense. Gli elicotteri della vicina portaerei US Eisenhower e del cacciatorpediniere US Gravely, sono intervenuti rispondendo al fuoco affondando tre delle quattro imbarcazioni e uccidendone gli equipaggi”. “Non è stato registrato alcun danno al personale e alle ai mezzi statunitensi”.
È quanto riferito dal United States Central Command (Centcom Commander) uno degli undici comandi militari degli Stati Uniti.

La nave è stata in grado di proseguire la sua rotta, Marine Traffic la segnala in direzione di Suez.

È stato questo il secondo attacco alla portacontainer Hangzhou avvenuto in 24 ore, dopo che la nave era stata presa di mira anche il 30 dicembre, con missili antinave lanciati dalle aree controllate dagli Houthi. Non era stato segnalato alcun incendio a bordo.

LEGGI TUTTO
Vard-Fincantieri: Contratto da 550 milioni, 3 navi per la Norvegia

TDT

Let Expo 2024

Assoporti 50anni

Confindustria Livorno

 

Confitarma auguri

MSC Spadoni

AdSP Livorno

Toremar

Laghezza

MSC