lorenziniterminal
grimaldi
Logistic & Transport > Moretto: Contro i rischi della resa ex works, la manifattura valorizzi la logistica italiana

Spadoni

Moretto: Contro i rischi della resa ex works, la manifattura valorizzi la logistica italiana

L’utilizzo diffuso della resa ex works in Italia – impiegata dal 73% delle aziende italiane, con punte del 91% in Veneto, contro il 30% di quelle tedesche, francesi e spagnole (fonte SRM) – comporta una perdita di competitività. Questa, infatti, non è data solo dalla qualità dei prodotti, ma anche dalla capacità di farli arrivare nei mercati di destinazione con tempi e costi congrui. Il Supply Chain Management è, infatti, uno dei driver fondamentali su cui possono puntare le organizzazioni - attraverso l'ottimizzazione della supply chain, economie di scala e scelte strategiche - per raggiugere i proprio obiettivi di internazionalizzazione e ottenere la soddisfazione del cliente finale. Sul tema è intervenuta la presidente di Fedespedi, Silvia Moretto, e vicepresidente vicaria di Confetra, nell'ambito del webinar “Il rischio d’impresa nella resa Ex Works”, organizzato da Accudire, ZPC e Ormesani. Sono intervenuti all'incontro anche: Alfonso Santilli, presidente di Credimpex Italia, Andrea Ormesani, vicepresidente di Confetra Nord Est.

“Delegare l’organizzazione della catena logistica al compratore estero, che si avvarrà di infrastrutture (porti, aeroporti) e fornitori esteri, rappresenta una perdita di opportunità di business per il nostro Paese”.  Ha ribadito Moretto è quindi “necessario scegliere i giusti termini contrattuali e valorizzare la gestione professionale della supply chain da parte di un consulente esperto. Questo significa controllo dei flussi per la manifattura, ma anche sviluppo e maggiore competitività per l’industria logistica italiana. Il testo finale del Recovery Plan va in questa direzione, riconoscendo alla logistica valore e funzione strategici”.

LEGGI ANCHE - Moretto: «Alleanza tra manifattura e logistica per regole valide per tutti»

Andrea Ormesani ha affrontato le implicazioni doganali e fiscali nell’utilizzo della resa ex works negli scambi internazionali. L’accento è stato posto sulla necessità per l’esportatore di gestire direttamente, o tramite consulenti fidati, l’attività doganale, per assicurare una corretta compilazione dei documenti, conoscere le informazioni che si trasmettono all’Agenzia delle dogane e prevenire sanzioni che vanno dal 100% al 200% dell’Iva.

Le inefficienze e i rischi correlati alla resa ex works, così come le lentezze burocratiche e l’ingente documentazione da produrre e verificare nel contesto di supply chain complesse e frammentate, possono essere risolte dall’innovazione digitale, in particolare dalla blockchain. Abramo Vincenzi, CEO di Accudire Srl, ha messo in luce come questa tecnologia innovativa permetta a tutti i soggetti della filiera - dall’esportatore al compratore, passando per il vettore, le banche e il dialogo con le autorità doganali - di semplificare i processi e interagire in modo trasparente, garantendo immutabilità e certezza nella trasmissione dei dati.

La blockchain applicata al mondo delle spedizioni - che trova nella piattaforma Accudire il primo esempio in Italia - consente anzitutto di eliminare tutti i processi manuali nella gestione dei documenti, e i relativi errori, di velocizzare le operazioni e ridurre i costi. Inoltre, tra i diversi vantaggi permette di dimostrare l’avvenuta uscita delle merci dall’UE (Visto Uscire) per le spedizioni transfrontaliere e la prova di effettiva consegna per i flussi intra UE (CMR), anche per darne evidenza in tempo reale all’Agenzia delle Entrate per il rispetto del regime di non imponibilità dell’IVA.

Post correlati

Confetra, programmazione attività 2021 – Contribuire al ridisegno economico produttivo del Paese

Roma, – “Abbiamo comunicato al ministro le nostre designazioni per i Tavoli tecnici attuativi del PNRR. Assiterminal, Assologistica, Federagenti e […]

VIDEO/ Il Comune di Livorno scrive al governo – Bonciani: «Nel PNRR la Darsena Europa non è collegata alla Rete Ten-T»

LIVORNO – «Nel Piano nazionale di Ripresa e Resilienza  (PNRR) che il governo ha inviato in Europa, la parte relativa […]

Confetra, 75mo anniversario: Il 4 giugno l’evento con i ministri dei trasporti degli ultimi 25 anni

Roma – Tante le adesioni delle numerose personalità politiche che, nell’ultimo quarto di secolo, hanno ricoperto lo “scranno” di Porta […]


Leggi articolo precedente:
incidenti lavoro
Assoporti, istituito conto per raccolta fondi dedicati alle famiglie dei lavoratori deceduti in attività portuali

 L’iniziativa di Assoporti nasce in seguito all'ultimo e tragico incidente sul lavoro in ambito portuale che ha visto il decesso...

Chiudi