lorenziniterminal
grimaldi
Focus > Kalypso Line inserisce PSA Venice Vecon nelle linee Far East e USA

Kalypso Line inserisce PSA Venice Vecon nelle linee Far East e USA

Le portacontainer della Kalypso Line toccheranno ogni 15 giorni al terminal VECON con provenienza e destinazione finale Cina, Bangladesh e Usa

Venezia,­- È giunta al porto di Venezia presso il terminal PSA Venice VECON la MV Rijnborg, nave portacontainer di 176 metri di lunghezza e capacità nominale di 1700 teu della Kalypso Line, compagnia di navigazione fondata e controllata dal gruppo italiano Rif Line, che ha inaugurato così una nuova tratta di collegamento tra Venezia e il Far East.

Il servizio prevede una toccata ogni 15 giorni nel porto di Venezia con destinazione Turchia (Mersin) e successivamente Salerno, dove la compagnia ha stabilito il proprio hub nel Mediterraneo e da dove partono già i principali servizi: “Marco Polo”, diretto verso la Cina e il Bangladesh (Ningbo, Taicang, Shenzen, Chittadong), e “Cristoforo Colombo”, diretto verso gli Stati Uniti, contesto in cui la società offre peraltro uno dei migliori transit-time verso New York tra quelli disponibili sul mercato.

“Siamo molto soddisfatti di avere aperto questa collaborazione con Kalypso e poter accogliere questo nuovo servizio nel nostro Terminal” dichiara Daniele Marchiori Direttore Generale del terminal PSA Venice VECON. “Confidiamo possano sicuramente ritagliarsi una interessante fetta di mercato, soprattutto per la nuova destinazione New York che tipicamente appartiene ad un mercato che Venezia non ha mai potuto sviluppare per assenza di connessioni rapide”.

Il presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Settentrionale Fulvio Lino Di Blasio dichiara: “Il sistema portuale lagunare si conferma punto di connessione fondamentale tra il tessuto imprenditoriale del nord Italia e i mercati della Cina e del sud-est asiatico. Grazie alla collaborazione tra Vecon e Kalypso di Rif Line, inoltre, sarà possibile offrire alle nostre aziende manifatturiere esportatrici un collegamento competitivo con gli Usa. Si tratta di un segnale importante per il settore dei contenitori, il nuovo servizio potrà contribuire infatti a consolidare la tendenza alla crescita che già abbiamo registrato nei primi undici mesi del 2022, periodo nel quale i teu transitati nel porto di Venezia hanno superato il valore di 496mila, con un +5,4% sullo stesso periodo del 2021”.

Post correlati

Cyber attacco a DNV, il settore marittimo ancora nella rete degli hacker

Il settore marittimo ancora una volta nel mirino degli hacker – Colpito il software Shipmanager di DNV.  Caso eclatante di […]

La manutenzione del Mose a Fincantieri

 Il ministero dei trasporti ha firmato il decreto approvando la proposta di Fincantieri che si assume il rischio della gestione […]

Buone feste

Corriere marittimo  augura buone feste a tutti LEGGI TUTTOVenezia, approvato il progetto di protezione del Canale Malamocco-Marghera